martedì 22 dicembre 2015

Torrone morbido al miele di lamponi e frutta secca

Il Natale è sempre più vicino ed ecco allora che tra i dolci tipici di questa festa non può mancare il Torrone, uno tra i dolci più diffusi e tipici in Italia.


Il termine "torrone" deriva dal latino « torrere » (tostare) e « torreo » (abbrustolire) riferito alla tostatura delle nocciole e delle mandorle.
In casa possiamo realizzare un ottimo torrone morbido, per realizzare la versione dura invece occorre una torroniera.


Ho pensato di personalizzarlo con un buonissimo miele ai lamponi che ha regalato gusto e particolarità ai miei torroni impreziositi inoltre da anacardi! Infatti il gradevole sapore leggermente acidulo dei lamponi si sposa ottimamente con la delicata dolcezza del miele di acacia.

Nelle mie ricette cerco sempre di utilizzare materie prime di qualità e sono continuamente alla ricerca di produttori locali che mi garantiscano qualità e prodotti a Km 0.



Per realizzare questo delizioso torrone ho utilizzato il miele con lamponi dell' Azienda Agricola Le Querce, gestita a livello familiare, nata nel 1998 quando Giuseppe Perino decise di dare uno sviluppo concreto alla sua passione per l’apicoltura.
Grazie alla posizione e alla ricca vegetazione di questa parte del Canavese si ottengono mieli di alta qualità, gli alveari vengono portati in zone lontano da inquinamento e non vengono utilizzati medicinali veterinari come antiparassitari ma solo prodotti fitoterapici.


Se volete accingervi a realizzare questo delizioso torrone munitevi di un termometro da cucina, indispensabile per la buona riuscita del dolce.

Potete variare la tipologia di miele, frutta secca e aggiungere frutta essicata a piacere, cercate però di mantenere sempre lo stesso peso finale.

Ingredienti  - per un quadro 18 x 18-

2 fogli di ostia
360 g di zucchero semolato
120 g di di acqua
30 g di sciroppo di glucosio in polvere
200 g di miele di acacia biologico
40 g di miele di lamponi biologico le Querce
60 g di albumi
30 g di zucchero semolato

400 g di mandorle pelate e tostate
250 g di nocciole tostate
50 g di anacardi

Procedimento:

Far tostare la frutta secca a 150°C per 8 minuti in forno.

In una pentola capiente e alta versare i due tipi di miele,  posizionare sul gas senza però accendere la fiamma.

In un pentolino versare acqua, zucchero (prima dose) e sciroppo di glucosio in polvere e mescolare. Accendere la fiamma a fuoco alto e portare a 146°C.

Nella planetaria iniziare a montare gli albumi al minimo con i 30 g di zucchero semolato, così iniziare a far schiumare.
                                                                                                                                        
Quando lo zucchero arriva intorno i 116°C cominciare ad accendere il miele portandolo a 124°C (a fuoco spento si innalzerà di 1 grado) , le due cotture devono perfettamente coincidere, cioè arrivare allo stesso tempo.

lo sciroppo deve raggiungere 146°C mentre il miele 125°C.

Quando gli sciroppi sono vicini alla giusta temperatura aumentare la velocità della planetaria fino a vedere gli albumi chiari e appena poco montati.

A velocità alta colare quindi il miele che deve scivolare sul bordo, non troppo lentamente, all'interno degli albumi, abbassare la velocità e colare subito anche lo sciroppo di zucchero, a filo ma non troppo lentamente.
Montare quindi per qualche minuto, dopodichè sostituire la frusta con la foglia (o gancio K) e incorporare, sempre con la macchina in movimento, la frutta secca facendola amalgamare al torrone.

E' importante che la frutta sia calda altrimenti rovinerà il composto.

Togliere quindi la foglia e dosare nel quadro dove sul fondo occorre posizionare l'ostia tagliata di misura.
Livellare bene e coprire con il secondo foglio di ostia, facendo in modo che la parte zigrinata tocchi il torrone e la parte liscia sia quella a noi visibile.

Coprire quindi con un foglio di carta da forno e posizionare sopra un peso.
Lasciar raffreddare e riposare il torrone per almeno 24 ore, a temperatura ambiente, lontano dall'umidità (niente frigo, niente freezer).

Trascorso il tempo di riposo eliminare i fogli di carta da forno e pesi e con un coltellino unto d'olio staccare il torrone dal quadro di acciaio.

Rifilare i bordi e tagliare con un coltello seghettato leggermente unto i torroni della dimensione che preferite.
Incartare in tempi brevi dividendoli in buste di cellophane apposite.

Tenere lontano da fonti di calore.


Questi torroncini sono ideali come regali di Natale... un dono realizzato con amore e passione che regalerà dolcezza e gusto!

Nessun commento:

Posta un commento