martedì 28 febbraio 2017

Soffici Castagnole ai frutti rossi

Un tripudio di soffice bontà si cela dietro a queste meravigliose castagnole dal sapore delicato di mandorla che si fonde con il sapore di amarene, fragole e lamponi liofilizzati che rilasciano nell'impasto tutta la loro caratteristica intensità.


Al morso regalano croccantezza senza opporre alcuna resistenza per aprirsi in un cuore irresistibile... una tira l'altra.

Questa ricetta è tratta dal Maestro Iginio Massari che è come sempre una garanzia e vorrei condividerla con voi per un Carnevale davvero speciale.

Ho deciso di utilizzare anzichè l'uvetta i frutti rossi per darne una caratterizzazione aromatica originale e un tocco di colore.

Quasi fossero coriandoli tanto sono leggeri i pezzetti di frutta liofilizzata sono un vero concentrato di vitamine, infatti i cibi sottoposti a liofilizzazione mantengono inalterate le caratteristiche organolettiche della materia prima di partenza.


Ovviamente il numero di castagnole che otterrete dipende dalla loro grandezza.

La frittura deve essere fatta ad alta temperatura ma senza che si raggiunga il punto di fumo, che varia secondo il tipo di olio usato, sostituendo l'olio se si scurisce poichè se la forza di spinta del vapore è forte va bene, se al contrario è lenta il dolce si inzupperà di olio.


Bisogna fare molta attenzione alle temperature, cuocendo pochi pezzi alla volta per non far abbassare la temperatura dell'olio e in modo tale che si formi più velocemente la crosta e si limiti il rischio che assorbano troppo olio.


Una volta cotti scolarli con la schiumarola e passarli su carta assorbente per fritti, solo successivamente cospargere di zucchero.

Ingredienti

    450 g di farina 00
    150 g di farina di mandorle
    150 g di uova bio
    125 g di zucchero
    20 g frutti rossi liofilizzati ( corrispo 144 g di frutta fresca
    100 g di burro
    100 g i latte
    10 g di lievito per dolci
    2 g di sale
    1/2 bacca di vaniglia
    dolio di semi di arachide per friggere

Far ammorbidire il burro tenendolo a temperatura ambiente per un paio d'ore.

Nella planetaria versare le uova, lo zucchero ed il sale.
Montare bene per una decina di minuti.

Unire il burro ed impastare ancora, procedere Incorporando la farina setacciata, la farina di mandorle ed il lievito alternando al latte.

Aggiungere quindi i frutti rossi, l'impasto risulterà morbido ma maneggiabile.

Lasciar riposare l'impasto in frigorifero coperto con pellicola trasparente per un'ora.

Procedere ricavando dei cordoncini di circa 2,5 cm di diametro.

Formare le castagnole tagliando l'impasto a tocchetti, a tratti regolari e arrotolare leggermente fra le mani per dare una forma rotondeggiante.

Scaldate l'olio di semi di arachide e portatelo ad una temperatura di 170/175 °.

Immergere le castagnole con l'aiuto di una schiumarola o mestolo forato.

Rigirarle bene affinché si colorano in modo uniformemente.

Trasferire le castagnole su carta assorbente, vi renderete conto che assorbono poco olio.

Rotolare le castagnole nello zucchero semolato o se preferite nello zucchero al velo quando sono ancora calde.

Ora sono pronte per essere gustate con chi volete!





Nessun commento:

Posta un commento